Settembre 23, 2018
Prima trasferta per il Gela Calcio dopo il pareggio 1 -1 casalingo contro lgea Virtus.
Mister Zeman scende in campo con un 4-3-3 con Castaldo tra i pali, Brugaletta e Sicignano al centro della difesa con Polito e Misale sugli esterni; a centrocampo Schisciano, La Vardera e Mannoni e, in attacco, Dieme, Alma e Ragosta.
Partita spettacolare, ricca di emozioni e gol, sono ben sei.

Primo tempo:
Al 7' la prima occasione è di marca giallorossa: Bombara lancia lungo per Cardia, che controlla bene al limite e, appena dentro l'area, incrocia sul palo lontano: sfera che finisce al lato di poco.
Al 14' punizione di Bombara e colpo di testa di Galesio, che arriva però debole tra le braccia di Castaldo.
Al 17' sugli sviluppi di un corner, la palla arriva fuori area a Mannoni, controllo e tiro che finisce fuori.
Al 18' il gol di Alma.
Al 21' tiro di La Vardera che finisce alto.
Al 25' altra grande occasione palla filtrante di Alma per La Vardera che, solo davanti al portiere Paterniti in uscita, non riesce a finalizzare
Al 33' ancora Gela vicini al raddoppio, l'ispirato Alma allarga sulla sinistra per Ragosta, controllo e diagonale che si perde a lato.
Al 35' palla gol del Città di Messina, Cardia mette in mezzo da destra, Feuillassier controlla, difende e si gira ma provvidenziale la parata di Castaldo che mette in angolo.
Al 37 fa tutto bene Schisciano che salta due uomini, entra in area ma calcia alto.
Al 39' eurogol di Galesio, l'attaccante riceve palla da rimessa laterale e, da 40 metri, vede il portiere fuori dai pali e lo scavalca: 1-1. Dopo un minuto di recupero si chiude il primo tempo.

La ripresa si apre con un cambio Dieme lascia il posto a Sowe che dopo pochi minuti porta il Gela in vantaggio, immediato il pari del Città di con Ferraù.
Gara incredibile, Ragosta riceve sulla sinistra, cross per Alma che, solo in area, controlla e batte ancora Paterniti.
Al 26' il pari del Città di Messina, sugli sviluppi di una rimessa laterale di Galesio, Cardia prolunga, Brugaletta allontana ma al limite arriva Ferraù, sinistro potente e imparabile per Castaldo, il pari dura quattro minuti, punizione dalla sinistra di Ragosta e colpo di testa a centro area di Sicignano.

Sono sei i minuti di recupero:
Al 49' Ragosta vicino al colpo del ko: palla a fil di palo.
Non c'è più il tempo, gara spettacolare e prima vittoria stagionale.
Prossimo Turno
  • Gela Calcio
    VS
    Nocerina
  • Acireale
    VS
    Sancataldese
  • Castrovillari
    VS
    Roccella
  • Città di Messina
    VS
    Troina
  • Igea Virtus
    VS
    Cittanovese
  • Locri
    VS
    Rotonda
  • Marsala
    VS
    Bari
  • Palmese
    VS
    Portici