La Storia

La storia del calcio gelese, a memoria d’uomo, comincia a prendere forma tra il 1929 e il 1930, per la passione a questo sport dei fratelli Paolo e Angelo Di Bartolo che assieme ad altri appassionati fondarono la squadretta denominata “Ddo Cannolu”. La squadra prese questo nome perché nel quartiere dove abitavano vi era una fontana pubblica di acqua potabile. Subito e per spirito di contrapposizione, sempre spinti per la passione del calcio, nacque la squadra dei “Tabaccari” dando vita ad epici confronti, scontrandosi a suon di calci al pallone, per stabilire la formazione migliore.

Siccome i risultati di questi scontri erano sempre incerti pensarono di costituire insieme una libera associazione che chiamarono “VIRIBUS UNITIS”, era l’anno 1930. In quegli anni, la Viribus Unitis, seppure non disponeva di un campo di calcio, disputò incontri amichevoli contro le squadre di Licata, Caltagirone, Comiso, Caltanissetta ed altri, sfruttando l’impianto sportivo della Palestra Pignatelli del Liceo-Ginnasio Eschilo, dove lo spazio del campo, però, permetteva di schierare solo squadre con sette e poi con nove giocatori.

Il campo di calcio in quegli anni era un vero problema tanto è vero che nell’arco che va tra il 1929 al 1942 si adoperarono come campo di gioco lo spazio antistante sotto il Municipio, che poi durante la guerra diventò campo di concentramento provvisorio, un campo ricavato nei pressi del Disueri e la Palestra Pignatelli già citata. Nel 1934 la squadra si iscrisse al campionato regionale dell’U.L.I.C. e per l’occasione cambiò il nome, iscrivendosi col titolo de la “MARINARA”. Per giocare in questo campionato la squadra gelese dovette affrontare sacrifici immensi perché le partite interne, in assenza di un campo di gioco regolamentare, le dovette giocare sul campo di Mazzarino che era l’unico impianto sportivo esistente in quel tempo nella nostra zona. Frequentissime erano le collette degli sportivi per permettere il viaggio ed il pranzo dei nostri atleti, tutti locali, che era composta di studenti ed affermati professionisti, che pur di giocare si tassavano regolarmente.

Nel 1948 Gela disponendo di un campo di calcio regolamentare aderì alla F.I.G.C. e si iscrisse per la prima volta al campionato federale. La squadra che disputò il primo campionato Federale prese il nome di S.S. Gela (Società Sportiva Gela) ed i colori sociali giallo–rossi come i colori dello stemma della città di Gela. Questa la rosa dei giocatori che disputarono il primo campionato federale del 1948/49, CIOTTI, MINEO, ALLEGRI, TAROZZI, LA FRANCA, BAGNI, CALAFIORE, CERVA, CARUSO, CATLAN, BUTTIGE’, DALMOLIN, MARIO BAMIANI, ALLEGRA, BALDANZA. Ricordiamo le persone che, dopo la fine della guerra, vollero fermamente che si realizzasse questo campo di calcio, L’On. Salvatore Aldisio, l’avv. Vincenzo Presti, Il cav. Vincenzo Maganuco, l ’avv. Oreste Gueli e Paolo Cardillo. La zona prescelta per tale impianto fu la contrada Giardinelli e dal nome di questa contrada prese il nome lo stadio.

Lo stadio Giardinelli fu inaugurato con la partita Gela – Vizzini, risultato finale 1-3 per il Vizzini, ma tale era l’euforia per il nuovo stadio che nessuno diede importanza a quel risultato. Si festeggiò ugualmente. Nell’anno 1950 il Gela , con il commissario straordinario Vincenzo Maganuco riuscì a tesserare giocatori che venivano dalla serie C e dalla serie B, in quegli anni la SS Gela ebbe il suo massimo splendore sportivo trascinando con se tutta la passione sportiva di una intera città, conquistando nell’anno 1952/53 la storica promozione in IV Serie. Promozione che venne conquistata sul terreno di gioco della Favorita di Palermo con lo spareggio-promozione contro il Caltagirone. Risultato finale della partita 1-0 per il Gela con rete di Martino (palermitano di nascita) e festeggiata per giorni e giorni assieme a quei sportivi che si recarono a Palermo con un treno speciale messo a disposizione dalle Ferrovie dello Stato e con i mezzi più disparati che il tempo permetteva, e attesi alla stazione e sulla strada d’ingresso alla città con mille bandiere giallo-rosse.

La città era tappezzata di bandiere, il colore giallo-rosso era il colore dominante in città, non vi era via , non vi era vicolo da cui non pendesse dai balconi la bandiera del Gela. Ma la vita del Gela in IV serie non fu fortunata, dove giocavano squadre come REGGINA, BARI, TRANI, TRAPANI ed altre con il blasone più grande di quello del Gela, quello fu l'unico campionato di IV serie negli anni '50 per il Gela. In questa squadra allenarono persone di grande peso sportivo come NEGRI, KOSSOVEL, GHIDINI, VIKPALEC, TREVISAN, CUTRERA e CASTELLI. Nell’anno 1954/55 prese parte al campionato di promozione e nell’anno seguente il presidente della società Marchese Michele Tedeschi non si sa perché si dimenticò di iscrivere la squadra nei ranghi federali e quindi non fu iserita in calendario e fu radiata.

Si costituì immediatamente un comitato, presieduto dal sindaco, per cercare di convincere la lega ad accettare la iscrizione postuma del Gela, ma siccome, i calendari delle partite erano già compilate non si potè far nulla. Cavillo burocratico del presidente Siino (presidente della lega sicula e grande amico del cav Maganuco) per dire gentilmente di no, perchè a quanto pare si era recidivi. (Anche l'anno prima il Gela aveva saltato la data di iscrizione). Lo stesso comitato, di cui facevano parte il sindaco Ciccio Vella, il dott. Pino Ventura ed il cav. Vincenzo Maganuco , a Palermo dove si trovavano per prorogare la causa del Gela, fondarono all’stante la nuova società a cui diedero il nome di U.S.Terranova iscrivendola al campionato di I Divisione con i colori sociali tradizionali giallo-rossi.

Subito il Terranova vinse il campionato di I Divisione, anno 1955/56 e ritornò al campionato di promozione, ma furono anni difficili per il nuovo sodalizio tant'è che milita sempre tra i campionati di promozione, prima e seconda categoria, fa una comparsa in serie D nel campionato del 1968/69 ma poi ritorna ai campionati minori, finchè nel campionato del 1972/73 torna come Commissario Straordinario il Cav. Vincenzo Maganuco che in due anni (1973/74) riesce a portare la squadra in Serie D (la vecchia IV Serie).

Nel 1978/79 sotto la Presidenza di Angelo Russello il Terranova disputò il campionato di C2 retrocedendo subito in Serie D. Dopo due anni di serie D la squadra retrocede in Promozione e da allora in poi resta in questa categoria finché nel 1993 non si fonderà con la Juventina (altra squadra gloriosa di Gela) dando vita ad nuova società che verrà chiamata JuveTerranova, il cammino della nuova società comincia dal campionato 1993/94 di eccellenza e nel giro di due anni approda nel campionato di C2. In occasione della fusione tra queste due squadre gelesi (Terranova e Juventina) è nata nei dirigenti una sorta di braccio di ferro per quanto riguarda i colori sociali da adottare per la nascente società. La Juventina voleva imporre i suoi colori perchè militava in una categoria superiore (campionato di eccellenza) del Terranova (campionato di promozione)

Il Terranova da parte sua voleva adottare i colori tradizionali del Gela che da sempre avevano contraddistinto la prima squadra cittadina. Ma cosa rilevante al momento della fusione il Terranova non era la prima squadra della città bensì la seconda dopo, proprio, la Juventina. Si propose allora di adottare una maglia che si richiamasse ai colori delle due società, ma alla fine si optò per dei colori assolutamente nuovi per la società, il bianco-azzurro. Colori con cui la nascente società Juveterranova è stata iscritta al campionato di competenza. Nel 2000 la squadra sarà rinominata in GELA JT.

La squadra dopo nove anni di militanza in Serie C2 conquista, nell’anno 2004/05, il Campionato di Serie C1 ed in questo campionato gioca nell’anno 2005/06. Ma le disavventure della prima squadra di Gela non finiscono mai, infatti tra vecchi e nuovi debiti e tra versamenti mai effettuati alle varie casse di garanzia dei giocatori si arriva al perentorio ordine da parte della FIGC di appianare i debiti verso l’Ente delle Entrate, anche a rate. Chi non ottempera al pagamento di questi oneri non potrà iscriversi a nessun campionato.

La situazione finanziaria del Gela Jt precipita e, tra le insolvenze che obbliga la FIGC a non iscrivere ai vari campionati chi non è in regola con i pagamenti e, le varie istanze di fallimento da parte delle ditte creditrici obbliga il Gela Jt a dichiarare fallimento. La squadra viene radiata dal campionato di C1, dove aveva giocato l’ultimo campionato, giocando un buon calcio tanto da salvarsi senza passare dai Play-out. Per non scomparire definitivamente la società aderisce al Lodo Petrucci e dopo varie vicissitudini viene ammessa al campionato di Serie C2. La nuova società prende il nome di Gela calcio s.p.a. portandosi come dote i colori sociali del Gela Jt (Bianco-azzurro) lasciando ai tifosi un terribile dubbio. Abbiamo perso la C1 o abbiamo guadagnato la C2?

Il Gelacalcio (anno 2006 - 2007) viene inserito nel girone C della C2, dove ha sempre militato da quando gioca tra i professionisti, disputa un campionato altalenante nella parte alta della classifica e poi con un rush finale travolgente riesce a piazzarsi in zona play off. Esce dalla lotta per la promozione in C1 senza essere sconfitta, ma solo per la classifica avulsa a lei sfavorevole. Un vero peccato, anche perchè all'ultimo secondo della partita di ritorno a Potenza, ha avuto la possibilità di conquistare la vittoria, ma la dea bendata non l'ha aiutata. Nel campionato 2007-08 il Gela si rafforza nel calciomercato per un campionato di alta classifica, ma la partenza è disastrosa, dopo 6 giornate si ritrova ultima in classifica con solo tre punti in attivo e il morale della squadra sotto i tacchi.

Il Presidente Tuccio corre ai ripari e cambia allenatore, va via mister Izzia e torna mister Sanderra. La squadra pian piano si riprende e finisce il torneo al settimo posto a 46 punti. Nel campionato 2008-09 il Gela allestisce la più forte squadra mai vista al Presti. Sicuramente la migliore del torneo di Seconda Divisione (non più serie C2), nei tre gironi non si scorge una formazione migliore di quella del Gela. La squadra fa sognare i tifosi. Ma, forse, non saputa gestire adeguatamente fallisce la promozione diretta in Prima Divisione e si classifica al secondo posto a tre punti dal Cosenza, deve cercare la promozione in serie superiore attraverso i Play-off. Il mini torno-spareggio per andare in Prima Divisione è gestito nei peggiori dei modi, il Gela brillante e sicuro di se non si vede mai e non riesce a vincere nemmeno una partita, infatti rimedia tre pareggi e una sconfitta. L'ultima partita si gioca a Gela contro il Pescina, basta vincere con un gol di scarto e si è promossi. Al triplice fischio dell'arbitro il risultato è di 1-1 che spezza i cuori di 4.000 tifosi che escono dallo stadio piangendo e applaudendo il Presidente Tuccio.

Nel campionato 2009-10 la squadra è costruita all'ultimo momento per via di impegni non onorati dal primo sponsor della squadra (comune), in tutto una settimana di preparazione. Eppure la squadra, agli ordini di mister Provenza, inizia il campionato con una serie di vittorie e con un gioco veramente impressionante tanto da portare il Gela in vetta alla classifica. Ma un grave infortunio toglie di mezzo il velocissimo Cunzi e alla prima vera sfida con una grande la squadra si smarrisce e regredisce sempre di più fino a rasentare il ridicolo. La squadra si classica al 7° posto. La crisi economica, in atto, si fa sentire e porta con se disastri economici su tantissime squadre e molte sono costrette a non iscriversi ai campionati di appartenenza. Il Gela capisce che è il suo momento, fa domanda di ripescaggio e viene inserita nel girone B della Prima Divisione (ex C1).

Dopo cinque anni al Gela viene restituito quello che le avversità e non la classifica gli avevano tolto ingiustamente. Campionato 2010-11 si riparte. L'esperienza negativa della stagione trascorsa non ha insegnato niente al club di via Venezia, tant'è che si riparte nel difficile campionato di Prima Divisione con lo stesso tecnico del disastroso finale dell'anno prima. Pensavano che essendo l'impegno più difficile, ci sarebbe stato, da parte della direzione tecnica, un'attenzione maggiore nel gestire lo spogliatoio e da parte del comune più solerzia a rispettare i loro impegni verso la squadra. Si ripete lo stesso scenario dell'anno scorso, si parte a razzo e dopo il primo mese la squadra si trova nei piani alti della classifica, assaporata la gloria delle grandi si ripete lo stesso cliché, una sconfitta tira l'altra e ci ritroviamo nelle zone basse della classica. All'inizio del girone di ritorno poiché il comune non ha onorato del tutto i suoi impegni e l'imprenditoria locale latita, l'ing. Tuccio, per questione di bilancio, ha dovuto sfoltire la squadra e alcuni pezzi pregiati si sono accasati in altre squadre. Il presidente l'ancia un messaggio accorato all'imprenditoria locale per sostenerlo, dichiarando che se nascerà una nuova dirigenza lui si metterà da parte anche se farà parte integrante della dirigenza, intanto continua a non cambiare l'allenatore per una inconsueta fiducia data sulla parola e per non darla vinta a quei tifosi che a gran voce ne chiedono la sostituzione. Si determina così una grave frattura tra la dirigenza e i tifosi organizzati. Quando la squadra sfiora di prepotenza la zona play out viene chiamato a sostituire il dimissionario Provenza Fofò Ammirata, palermitano di nascita e gelese d' adozione, poiché qui ha messo famiglia.

Con Ammirata si riorganizza il gruppo e pian piano le sconfitte si allontanano sempre di più e tra la meraviglia di tutti riesce a portare la squadra in una posizione onorevole in classifica, si salva ufficialmente un giorno prima della chiusura del campionato e ciò gli costa l'azzeramento dei suoi famosissimi baffi . Con grandissimo dolore al cuore mi accingo adesso a ricapitolare gli ultimi istanti di vita del Gelacalcio. Nessuno degli imprenditori risponde al grido di aiuto dell'ingegnere Tuccio. Ciò nonostante la squadra non ha debiti con nessuno, deve solo appianare il conto dell'Iva e dell'Irap per una somma di Euro 287.000, somma che deve entrare nelle casse della società per gli anticipi che la società ha versato per la manutenzione del Presti. Il comune è debitore verso il Gela calcio di circa 543.000 Euro. Se il comune avesse onorato gli impegni firmati a favore del Gelacalcio il 27/08/2010, questa burtta storia non avrebbe avuto vita L'ingegnere Tuccio viene convinto a iscrivere la squadra al prossimo campionato dietro la promessa di un politico locale che garantisce l'entrata in società di un gruppo di imprenditori locali.

La dirigenza iscrive la squadra ma della cordata di imprenditori locali non si scorge traccia. L'ingegner Tuccio lascia passare la data per la iscrizione definitiva e per il Gelacalcio è la fine del calcio professionistico. Il Gela nel 2011 si iscrive al campionato regionale di Terza categoria per ricominciare a vivere iniziando dal bassofondo del calcio dilettantistico. Nel 2012 viene ripescato in Seconda categoria per i meriti trascorsi. il Gela viene ancora ripescato e partecipa al torneo di Prima categoria 2013-14, formando una squadra che, senza squilli di tromba, è veramente forte per la categoria. Dopo 3 anni il Presidente Tuccio è stato notato in tribuna in occasione della partita con il Gangi che occupava assieme al Gela il primo posto in classifica.

Il Gela stravince il campionato con 25 vittorie e un solo pareggio. Si aggiudica la Coppa Disciplina e la Coppa Sicilia vincendo la finale a Raffadali contro il Partinicaudace per 3-1 Nell'anno 2014-15 Il Gela gioca in promozione nel girone “D” e nella classifica finale è terzo con 53 punti, La Leonzio con 61punti viene promossa direttamente in eccellenza. Il Gela farà gli spareggi per la promozione con Atletico Gela 58, Santa Croce 49 e Sport Club Palazzolo 49 . Gli spareggi sono ad una partita secca con questi sono i risultati. Gela 19 Aprile 2015, Atletico Gela - Sport Club Palazzolo 2-1 dopo i tempi supplementari. Gela 20 Aprile 2015, Gela - Santa Croce 3 – 1
Gela 27 Aprile 2015, Gela – Atletico Gela 5-0 dopo i tempi supplementari.

Vince la finalissima con il Troina in campo neutro (San Cataldo) per 1-0 e viene ammesso al campionato di Eccellenza.

Nell'anno 2015-2016 il Gela gioca nel campionato di eccellenza e vince il proprio girone con 64 punti e viene ammessa di diritto al campionato nazionale dilettanti Serie D

Nel 2016-17 partecipa al campionato di serie D e si piazza al 5° posto nella classifica finale con 56 punti. Ha il diritto di disputare i play off ma senza fortuna, perde l'incontro con il Rende 2° classificato in campo esterno per 2-1, dopo i termpi supplementari, una partita sfortunata dopo un bel campionato che l'ha vista gareggiare per ottenere un risultato positivo. Ma la dea bentato quest'anno le ha girato le spalle.

Prossimo Turno
  • Portici
    VS
    Gela Calcio
  • Ebolitana
    VS
    Roccella
  • Igea Virtus
    VS
    Vibonese
  • Capo Rizzuto
    VS
    Gelbison
  • Nocerina
    VS
    Cittanovese
  • Paceco
    VS
    Acireale
  • Palmese
    VS
    Messina
  • Sancataldese
    VS
    Troina